Vacanze in moto

Vacanze in moto: se affrontate con scrupolosa attenzione, si trasformano in un’esperienza autentica ed emozionante.

Vacanze in moto: conducente e mezzo in piena efficienza

Vacanze in moto

Il motociclista

La prima cosa da tenere in considerazione è la condizione fisica di colui che conduce il mezzo a due ruote. Ancor più se, cosa abbastanza usuale, il viaggio avviene in compagnia di un altro soggetto trasportato.

Infatti anche se l’impiego di una moto o di uno scooter richiede un limitato impegno per ciò che concerne la fatica, un fisico in forma:

  • risulta essere il più idoneo ad affrontare lunghe giornate in sella
  • aiuta a mantenere un buon livello di concentrazione e reattività. Una condizione necessaria a non commettere errori ed anche ad aver riflessi pronti per rispondere a quelli altrui.

Pertanto, qualora normalmente lo stile di vita adottato sia un po’ troppo sedentario, nei giorni precedenti la partenza per le vacanze in moto, sarà opportuno dedicare qualche ritaglio di tempo all’esercizio fisico (stretching, corsa, allenamento cardiovascolare, etc. ).

Poi, oltre al casco obbligatorio, è fortemente consigliato l’impiego di abbigliamento tecnico quale una giacca con le opportune protezioni, scarpe con suola antiscivolo e guanti.

La motocicletta

Altrettanta attenzione inoltre deve essere dedicata alla motocicletta, specialmente se la vacanza è stata preceduta da un lungo periodo in cui la stessa ha riposato in garage, quindi:

  • controllo liquidi e lubrificanti: olio motore, olio cambio e liquido radiatore se presente
  • controlla freni: usura pastiglie ed anche livello liquido freni
  • verifica pneumatici: scultura battistrada, presenza o meno di tagli e/o screpolature e controllo che la pressione sia quella indicata sul libretto di manutenzione della moto
  • verifica funzionalità faro, frecce e clacson
  • breve prova su strada per accertarsi che non emergano anomalie sfuggite al solo esame visivo

Vacanza e viaggio non sono sinonimi: nella prima prevalgono le caratteristiche divertenti e ritempranti mentre il secondo e’ caratterizzato da un aspetto piu’ avventuroso.

Vacanza in moto: la base logistica

Uno dei modi più semplici ed anche più divertenti di trascorrere vacanze in moto è quello di individuare un punto di riferimento fisso, in una zona al centro di luoghi interessanti, presso il quale fare ritorno ogni sera.

Una soluzione che permette di viaggiare leggeri e di avere sempre un luogo idoneo presso il quale riposare e rigenerarsi, in vista dell’uscita successiva.

Case vacanze Eremo Gioioso: luogo ideale per una vacanza in moto

E, in merito ai percorsi, chiedi a Marco: un vecchio motociclista che ora gestisce le case vacanze dell’Eremo Gioioso

Affrontare in moto percorsi divertenti

La vera bellezza delle vacanze in moto sta nella possibilità di scoprire luoghi nuovi ogni giorno, attraversando paesaggi spettacolari, borghi pittoreschi, spiagge anteposte a mari cristallini.

Con la moto, diventa agevole raggiungere le località più nascoste e meno battute, immergendosi nella natura e nella cultura del luogo in cui ci si viene a trovare.

Trascorrere una vacanza in moto soggiornando in una delle case dell’Eremo Gioioso,”Il Nido” ed “Il Convivio“, è un’esperienza che offre un ampio ventaglio di possibilità agli amanti delle due ruote.

Consente di raggiungere ogni giorno luoghi interessanti, attraversare paesaggi spettacolari, borghi pittoreschi, raggiungere vicine città d’arte ma anche le sabbiose spiagge della Versilia o le calette rocciose delle 5 terre cui si antepone un mare cristallino.

Un luogo che non solo fornisce garanzie in merito al divertimento in motocicletta ma anche la certezza di vivere un’esperienza improntata al benessere.

“La Lunigiana”, infatti é un lembo di Toscana, verde ed incontaminato, al centro di zone affascinanti, che si insinua fra le vette appenniniche dell’Emilia il mare della Liguria e quello della Toscana.

Marco dell'Eremo Gioioso motociclista in Lunigiana

Pontremoli, in Lunigiana, é base ideale per i motociclisti…

In moto fra Toscana, Emilia e Liguria

I passi dell’Appennino…

Inserita in un contesto caratterizzato da numerosi Passi Pontremoli è al centro di percorsi divertenti per coloro che amano muoversi in sella ad una motocicletta.

  • Il Passo del Rastrello: un panorama stupendo vi attendera’ una volta raggiunto il passo a 1050 metri di altitudine, interamente circondati da una natura incontaminata in quella terra di confine che separa le toscane valli di Zeri dalla Vadivara. Quest’ultima denominata la Valle del biologico si trova in territorio ligure ed e’ collocata sopra al golfo dei Poeti ed alle 5 terre
  • Il Passo del Brattello: un percorso che da Pontremoli si snoda lungo una strada divertente e poco trafficata e, dopo l’attraversamento di una millenaria foresta, conduce nella capitale del fungo porcino, Borgotaro, a breve distanza da Bardi dove é presente e visitabile un suggestivo castello
  • Il Passo della Cisa, un passo fra i più amati dai motociclisti tanto che, presso lo stesso, è stato eretto il monumento dedicato a Sic Simoncelli, oggetto di continue visite da parte di molti appassionati. Questi ultimi poi, a bordo dei loro bolidi, convergono qui in migliaia in occasione del memorial Simoncelli che ogni anno si celebra durante la prima domenica di settembre.
  • Il Passo del Cirone oltrepassato il quale si aprono due diverse possibilita’: raggiungere le spiagge della Versilia oppure concedersi una puntata a Langhirano, luogo famoso per la qualita’ dei prosciutti che li’ si producono. Luogo ideale per una sosta golosa e, magari, anche una visita al vicino castello di Torrechiara
  • Il Passo di Sillara, quasi sempre appannaggio dei soli motociclisti. Un percorso all’interno di un paesaggio paesaggio poco antropizzato che si ricollega alla statale della Cisa, intercettandola in prossimita’ di Berceto
  • Il Passo del Cerreto
  • Il passo del Lagastrello
  • Il Passo dei Carpinelli
  • Passo dei 2 Santi
  • Passo delle Radici

Il mare, le spiagge, la mondanita’ della costa ligure e toscana

Le città d’arte ed altre mete vicine per escursioni interessanti

Città d’arte:

  • Parma
  • Lucca
  • Pisa
  • Genova
  • Firenze

Altri luoghi interessanti:

Ed al rientro…una cena luculliana (e poco costosa) in una delle trattorie locali o un gioiosa grigliata sul barbecue del giardino dell’eremo Gioioso!

Translate »